ICCU | Istituto Centrale per il Catalogo Unico - Dublin Core Metadata Element Set - versione 1.1: traduzione italiana


[ stampa questa pagina ]

Home page »  Linee guida e standard  »  Metadati  »  Dublin Core Metadata Element Set - versione 1.1: traduzione italiana

Dublin Core Metadata Element Set - versione 1.1: traduzione italiana

Il set del Dublin Core: uso e applicabilità

E' nata in ambito OCLC la comunità del Dublin Core metadata che unisce produttori, autori e detentori dei diritti sulla documentazione in rete, al fine di fornire strumenti per l’accesso alle risorse digitali. Il consorzio di utilizzatori che si è costituito ha incominciato ad implementare una architettura per i metadati che venga incontro alle necessità dei venditori e dei produttori di informazioni.

Il set minimo proposto nel dicembre 1996 è costituito da 15 elementi di base e si è esteso anche a sottoelementi o qualificatori: lo standard è in via di sviluppo ma il cosiddetto "core dei 15 elementi della descrizione è rimasto stabile. Ciascun elemento è definito usando un set di 10 attributi ricavati dalla norma ISO 11179.

Il recente Workshop organizzato presso la Deutsche Bibliothek a Frankfurt nell’ottobre 1999 ha presentato gli sviluppi e le applicazioni di questo set di elementi originariamente concepito per le descrizioni generate da autori di risorse Web, che ha visto focalizzare l’interesse di comunità quali musei, agenzie ed organizzazioni commerciali. Questo concetto di trasversabilità ed interoperabilità è presente anche anche a livello europeo come tema base del V programma quadro, nell’ambito dell’ Information Society Technologies Programme (1998-2002): si intende promuovere un nuovo approccio integrato alle informazioni, che venga incontro alle esigenze dell’utenza , che offra servizi e tecnologie a tutte le attività e che tra le sue strategie stabilisca un consenso necessario per la standardizzazione a tutti i livelli.

La versione aggiornata del formato DC si caratterizza per: semplicità di utilizzo in quanto si rivolge sia a non catalogatori che a specialisti; interoperabilità semantica stabilendo una comune rete di dati concordati nel loro significato e valore; promozione di uno strumento utile per una infrastruttura a livello internazionale; flessibilità, in quanto permette di integrare e sviluppare la struttura dei dati con significati semantici diversi ed appropriati al contesto di applicazione. Inoltre esso vuole proporsi come una alternativa per il materiale digitale a formati più elaborati di catalogazione presenti nel mondo bibliotecario (ad es. i formati di registrazione MARC). Queste stesse caratteristiche, nella prospettiva della biblioteca digitale lo rendono uno dei formati applicabili alla descrizione di oggetti in differenti tipologie di supporti compreso quello elettronico, a beneficio delle varie comunità che interagiscono continuamente (biblioteche, mondo editoriale, produttori, autori, etc.).

A conferma di tale prospettiva in alcuni progetti europei sperimentali sulla catalogazione di risorse digitali e digitalizzate (quale ad esempio META-LIB, in cui sono coinvolte la Universitatsbibliothek di Gottingen, la stessa Deutsche Bibliothek, la Bayerische Staatsbibliothek e la Deutsches Bibliotheksinstitut nell’ambito del sottoprogetto sulla modernizzazione e razionalizzazione nelle biblioteche accademiche), è stato avviato un processo di armonizzazione degli standard per i metadati con le regole nazionale relative alla descrizione delle pubblicazioni a stampa.

E’ evidente che il mondo bibliotecario dovrà riflettere sull’utilizzo di tale formato rispetto alle esigenze e agli obiettivi della catalogazione e dei servizi. Per questo motivo e al fine di meglio valutarne l’applicabilità l’ICCU ha curato la traduzione italiana dell’ ultima versione del DC.

Dublin Core Metadata Element Set, Versione 1.1: traduzione italiana

Descrizione degli elementi costituenti l’insieme "Dublin Core"

Il presente documento è la traduzione italiana di riferimento della versione 1.1 del "Dublin Core Metadata Element Set". Questo documento sostituisce la precedente versione 1.0. Per ulteriori informazioni su seminari, articoli, documenti di gruppi di lavoro, progetti e nuovi sviluppi concernenti l’insieme degli elementi di metadati del DC, si veda la home page del DC: http://purl.oclc.org/dc/.

Il documento riassume le definizioni aggiornate degli elementi di metadati del DC rispetto a quelle originariamente definite nel [RFC2413]. Queste nuove definizioni saranno ufficialmente diffuse come Versione 1.1.

Queste definizioni utilizzano uno standard formale per la descrizione degli elementi di metadati. Questa formalizzazione aiuta a migliorare la coerenza con altri ambienti di metadati ed aumenta la chiarezza, l’obiettivo e la coerenza interna delle definizioni degli elementi di metadati del DC.

Ogni elemento del Dublin Core è definito utilizzando un insieme di dieci attributi dello standard ISO/IEC 11179 [ISO11179] per la descrizione dei dati. Questi includono:

  • Nome – Etichetta assegnata al dato
  • Identificatore – Identificativo univoco assegnato al dato
  • Versione – Versione del dato
  • Registrazione di autorità – Entità autorizzata a registrare il dato
  • Lingua – Lingua nella quale il dato è indicato
  • Definizione – Indicazione che rappresenta chiaramente il concetto e la natura essenziale del dato
  • Obbligatorietà – Indica se il dato è richiesto sempre o solo in alcuni casi (contiene un valore)
  • Tipo di dato – Indica la tipologia del dato che può essere rappresentato nel valore del dato stesso
  • Occorrenza massima – Indica un limite alla ripetibilità del dato
  • Commento – Un’osservazione che concerne l’applicazione del dato

Fortunatamente, sei dei dieci attributi sopra citati sono comuni a tutti gli elementi del DC. Questi sono, con i loro rispettivi valori:

Versione 1.1
Registrazione di autorità Dublin Core Metadata Initiative
Lingua en
Obbligatorietà opzionale
Tipo di dato stringa di caratteri
Occorrenza massima illimitata

Gli attributi di cui sopra non devono essere ripetuti nelle definizioni date di seguito, in quanto fanno parte delle definizioni.

Le definizioni previste includono sia la forma concettuale che rappresentativa degli elementi del Dublin Core. L’attributo Definizione "cattura" il concetto semantico e gli attributi Tipo di dato e Commento "catturano" la rappresentazione del dato.

Ogni definizione del Dublin Core si riferisce alla risorsa che si sta descrivendo. Una risorsa è definita in [RFC2396] come "qualcosa che ha identità". Ai fini dei metadati del Dublin Core, una risorsa sarà tipicamente una risorsa informativa o di un servizio, ma può essere applicata in un contesto più ampio.

Elemento: Titolo

Nome: Titolo
Identificatore: Title
Definizione: Un nome dato alla risorsa
Commento: In particolare, un Title sarà un nome con il quale la risorsa è formalmente conosciuta.

Elemento: Creatore

Nome: Creatore
Identificatore: Creator
Definizione: Un’entità che ha la responsabilità principale della produzione del contenuto della risorsa
Commento: Esempi di Creator includono una persona, un’organizzazione o un servizio. In particolare, il nome di un Creator dovrebbe essere usato per indicare l’entità

Elemento: Soggetto

Nome: Soggetto e Parole chiave
Identificatore: Subject
Definizione: L’argomento della risorsa.
Commento: In particolare un Subject può essere espresso da parole chiave o frasi chiave o codici di classificazione che descrivono l’argomento della risorsa. Si consiglia di scegliere un valore da un vocabolario controllato o da uno schema di classificazione formale.

Elemento: Descrizione

Nome: Descrizione
Identificatore: Description
Definizione: Una spiegazione del contenuto della risorsa
Commento: Una descrizione può includere ma non è limitata solo a: un riassunto analitico, un indice, un riferimento al contenuto di una rappresentazione grafica o un testo libero del contenuto.

Elemento: Editore

Nome: Editore
Identificatore: Publisher
Definizione: Un’entità responsabile della produzione della risorsa, disponibile nella sua forma presente
Commento: Esempi di un Publisher includono una persona, un’organizzazione o un servizio. Normalmente il nome di un Publisher è usato per indicare l’entità stessa

Elemento: Autore di contributo subordinato

Nome: Autore di contributo subordinato
Identificatore: Contributor
Definizione: Un’entità responsabile della produzione di un contributo al contenuto della risorsa
Commento: Esempi di un Contributor includono una persona, un’organizzazione o un servizio. Normalmente il nome di un Contributor è usato per indicare l’entità stessa

Elemento: Data

Nome: Data
Identificatore: Date
Definizione: Una data associata a un evento del ciclo di vita della risorsa
Commento: Normalmente Date è associata alla creazione o alla disponibilità della risorsa. Si consiglia di usare un numero di 8 caratteri nella forma YYYY-MM-DD come definita in http://www.w3.org/TR/NOTE-datetime, un profilo dello standard ISO 8601. In questo schema l’elemento data 1994-11-05 corrisponde al 5 novembre 1994. Sono possibili molti altri schemi, ma se vengono utilizzati, devono poter essere identificati in modo univoco

Elemento: Tipo

Nome: Tipo di risorsa
Identificatore: Type
Definizione: La natura o il genere del contenuto della risorsa
Commento: Tipo include termini che descrivono categorie generali, funzioni, generi o livelli di aggregazione per contenuto. Si raccomanda di selezionare un valore da un vocabolario controllato (ad esempio, la lista di lavoro dei Dublin Core Types [DCT1]). Per descrivere la manifestazione fisica o digitale della risorsa, si usa l’elemento Format

Elemento: Formato

Nome: Formato
Identificatore: Format
Definizione: La manifestazione fisica o digitale della risorsa
Commento: Normalmente Format può includere il tipo di supporto o le dimensioni della risorsa. Format può essere usato per determinare il software, l’hardware o altro apparato necessario alla visualizzazione o all’elaborazione della risorsa. Esempi di dimensioni includono grandezza e durata. Si raccomanda di selezionare un valore da un vocabolario controllato (ad esempio la lista di Internet Media Types [MIME] che definisce i formati dei supporti elettronici

Elemento: Identificatore

Nome: Identificatore della risorsa
Identificatore: Identifier
Definizione: Un riferimento univoco alla risorsa nell’ambito di un dato contesto
Commento: Si raccomanda di identificare la risorsa per mezzo di una sequenza di caratteri alfabetici o numerici secondo un sistema di identificazione formalmente definito. Esempi di tali sistemi di identificazione includono l’Uniform Resource Identifier (URL) (incluso l’Uniform Resource Locator (URN)), il Digital Object Identifier (DOI) e l’International Standard Book Number (ISBN)

Elemento: Fonte

Nome: Fonte
Identificatore: Source
Definizione: Un riferimento a una risorsa dalla quale è derivata la risorsa in oggetto
Commento: La risorsa può essere derivata dalla risorsa Source in tutto o in parte. Si raccomanda di identificare la risorsa per mezzo di una sequenza di caratteri alfabetici o numerici secondo un sistema di identificazione formalmente definito

Elemento: Lingua

Nome: Lingua
Identificatore: Language
Definizione: La lingua del contenuto intellettuale della risorsa
Commento: Per i valori dell’elemento Language si raccomanda di utilizzare quanto definito dal RFC 1766 [RFC1766] che include un codice di lingua su due caratteri (derivato dallo standard ISO 639 [ISO639], seguito opzionalmente da un codice di paese su due caratteri (derivato dallo standard ISO 3166 [ISO3166]. Ad esempio, "en" per l’inglese, "fr" per il francese, "it" per l’italiano o "en-uk" per l’inglese usato nel Regno Unito

Elemento: Relazione

Nome: Relazione
Identificatore: Relation
Definizione: Un riferimento alla risorsa correlata
Commento: Si raccomanda di far riferimento alla risorsa per mezzo di una sequenza di caratteri alfabetici o numerici in conformità ad un sistema di identificazione formalmente definito

Elemento: Copertura

Nome: Copertura
Identificatore: Coverage
Definizione: L’estensione o scopo del contenuto della risorsa
Commento: Normalmente Coverage include la localizzazione spaziale (il nome di un luogo o le coordinate geografiche), il periodo temporale (l’indicazione di un periodo, una data o un range di date) o una giurisdizione (ad esempio il nome di un’entità amministrativa). Si raccomanda di selezionare un valore da un vocabolario controllato (ad esempio il Thesaurus of Geographic Names [TGN]) e, se possibile, di utilizzare i nomi di luogo o i periodi di tempo piuttosto che identificatori numerici come serie di coordinate o range di date

Elemento: Gestione dei diritti

Nome: Gestione dei diritti
Identificatore: Rights
Definizione: Informazione sui diritti esercitati sulla risorsa
Commento: Normalmente un elemento Rights contiene un’indicazione di gestione dei diritti sulla risorsa, o un riferimento ad un servizio che fornisce questa informazione. L’informazione sui diritti spesso comprende i diritti di proprietà intellettuale Intellectual Property Rights (IPR), Copyright e vari diritti di proprietà. Se l’elemento Rights è assente, non si può fare alcuna ipotesi sullo stato di questi o altri diritti in riferimento alla risorsa

Mappatura Dublin Core / UNIMARC  (versione inglese)

Torna su

Ultimo aggiornamento: 28.04.2011