ICCU | Istituto Centrale per il Catalogo Unico - La Biblioteca Digitale Italiana ed il Network Turistico Culturale (BDI&NTC)
Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Indice dei servizi online

Menu di navigazione
Home page »  Attività e servizi  »  Attività nazionali  »  La Biblioteca Digitale Italiana ed il Network Turistico Culturale (BDI&NTC)

Menu di navigazione principale




Indice dei servizi online


Contenuto della pagina


La Biblioteca Digitale Italiana ed il Network Turistico Culturale (BDI&NTC)

Nel 2003 il Comitato dei Ministri per la Società dell’Informazione (CMSI) ha finanziato una serie di progetti di grande contenuto innovativo, di rilevanza strategica e di preminente interesse nazionale fondamentali per lo sviluppo del settore informatico e dell’automazione dei servizi pubblici a livello nazionale, tra cui il progetto La Biblioteca Digitale Italiana ed il Network Turistico Culturale, proposto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

L’iniziativa progettuale, messa a punto dalla Direzione Generale per le Biblioteche, gli Istituti Culturali e il Diritto d'Autore e dall’ICCU, è stata valutata di preminente interesse nazionale in quanto crea le basi tecnologiche, metodologiche ed organizzative per garantire l’evoluzione del Servizio Bibliotecario Nazionale da struttura erogatrice di servizi catalografici e di ricerca a struttura di creazione e diffusione in rete di nuovi strumenti di  conoscenza.
Il progetto integra in un unico portale il catalogo collettivo SBN, le basi dati delle edizioni italiane del XVI secolo, dei cataloghi storici, dei manoscritti, delle case editrici, con i risultati delle attività di digitalizzazione promosse dal Comitato guida della Biblioteca Digitale Italiana (BDI). Il Comitato guida, infatti, in linea con le indicazioni del piano di azione di Lund redatto da un gruppo di esperti sulla digitalizzazione provenienti da vari paesi europei, coordina e finanzia i programmi di digitalizzazione dei contenuti culturali e scientifici delle istituzioni italiane stabilendo, a livello centrale, standard e linee guida.

Fra i numerosi obiettivi che il progetto si è posto, alcuni risultano di particolare rilevanza:

  1. definire standard e metodologie per
    • le attività di coordinamento delle iniziative di digitalizzazione
    • la descrizione e la fruizione dei documenti digitali in accordo con gli standard adottati dal Servizio Bibliotecario Nazionale ed in linea con le direttive della Biblioteca Digitale Italiana
    • le piattaforme, le applicazioni, l’infrastruttura di comunicazione del portale
    • la gestione dei contenuti redazionali del portale attraverso l’utilizzazione di un sistema di Content Management System (CMS)
  2. trasferire in formato digitale fondi e documenti allo scopo di valorizzare e far conoscere il patrimonio culturale attraverso
    • la costituzione di varie teche digitali presso le istituzioni culturali italiane dove vengono conservati e gestiti i documenti digitali (immagini, documenti elettronici testuali e ipertestuali, registrazioni sonore, video, etc.)
    • la realizzazione di vari percorsi turistico-culturali 
    • la creazione di nuovi itinerari utili alla conoscenza di luoghi, istituzioni, oggetti, documenti di grande pregio di cui l’Italia è particolarmente ricca
  3. offrire ai cittadini nuovi e più evoluti strumenti per la conoscenza in rete del patrimonio culturale e scientifico attraverso
  4. sviluppare servizi di carattere commerciale sulla rete internet attraverso
    • l’integrazione con il sistema bancario
    • la gestione delle carte di credito
    • la definizione dei prezzi e delle politiche di vendita
    • la verifica on-line delle transazioni economiche
    • la ripartizione elettronica degli introiti

Nel febbraio 2005 il Comitato dei Ministri per la Società dell’Informazione (CMSI) ha approvato una seconda fase del progetto: Sviluppo della Biblioteca Digitale Italiana e del Network Turistico Culturale orientata al consolidamento dell’infrastruttura tecnologica e all’ampliamento ed integrazione nell’architettura funzionale del sistema di nuove teche digitali. In particolare saranno sviluppate alcune teche per la fruizione e la conservazione di documenti digitali relativi al patrimonio musicale italiano e saranno realizzati ulteriori percorsi culturali, nuove aree tematiche e nuovi strumenti tecnologici.

Ultimo aggiornamento: 18.08.2014